Prima di Fare E-Commerce

Consulenza e-commerce

Prima di Fare E-Commerce

No, non devi cominciare dal sito Internet. Molla il telefono e LASCIA PERDERE IL WEBMASTER. Non ti serve.

Ti serve carta e penna. Pronto a scrivere? 

[feature_box style=”3″ only_advanced=”There%20are%20no%20title%20options%20for%20the%20choosen%20style” alignment=”center”]

La prima cosa che devi metterti in testa è che vendere online non è una scommessa e non è un gioco, anche se può esser un test.

[/feature_box]

E’ un investimento basato su valutazioni che hai fatto (o devi fare) su:

[bullet_block style=”size-16″ small_icon=”1.png” width=”” alignment=”center”]

  • domanda
  • offerta
  • qualità della concorrenza

[/bullet_block]

Come verificare la domanda?

Beh, sei o non sei esperto del tuo settore? Se hai un negozio e contatti con il mondo reale al di là della tua porta saprai se i prodotti che tratti di vendono. Sul web o no è lo stesso: se il prodotto si vende c’è qualcuno che lo compra, a prescindere dal canale. Questo vale per la maggior parte dei prodotti B2C.

Un aiutino? Scarica il report qui a lato

 

Come verificare l’offerta?

Vai su Trovaprezzi, Amazon, eBay, ecc e cerca i prodotti che venderesti tu. Guarda i prezzi che hanno e, se hanno recensioni, di che tenore sono. In questo modo stai cominciando anche una piccola analisi della concorrenza. Puoi approfondirla con l’individuazione dei siti dei competitor al tuo livello (se non hai budget sufficiente va bene ispirarsi a Zalando i simili, ma fino a un certo punto).

[divider style=”11″]

Ragionare in termini di SOLDI

Se sei un imprenditore sai benissimo che in un investimento devi mettere i soldi, l’analisi ti aiuterà a capire quanti metterne e in quanto tempo ti torneranno indietro, per raggiungere il break even point, ovvero il punto di pareggio tra costi e ricavi. Non ci stai ancora guadagnando nulla, però hai costruito qualcosa che si è ripagato.

 

punto-di-pareggio

 

 

La variabile TEMPO

In quanto tempo puoi arrivare al pareggio e cominciare a guadagnare? Dipende…

Dipende da:

[bullet_block style=”size-16″ small_icon=”1.png” width=”” alignment=”center”]

  • quanti costi hai nel periodo considerato
  • quante vendite farai nel periodo considerato
  • quale sarà il carrello medio (ovvero l’importo medio delle vendite che farai sul sito)

[/bullet_block]

Facciamo una prova approssimativa, tanto per capirci:

> Il 1° anno investo sul sistema e-commerce 40.000 euro (sito + marketing)

> Il 2° anno il mio investimento è di 20.000 euro (ho ammortizzato il sito e alcune spese una tantum)

Bene, supponendo tu venda prodotti industriali conosciuti e abbia prezzi in linea con la concorrenza, diciamo che avrai un traffico crescente che ti porterà dopo i primi 2 mesi di vita del sito a fare  2/3 vendite al giorno. Mese dopo mese si incrementano le vendite, diciamo fino a circa a 20/giorno entro 1 anno (facendo tutto ciò che occorre, ovviamente).

Ipotizzando un carrello medio di 40 € (varia da settore a settore e dipende dalle politiche commerciali studiate per il sito) il primo anno potresti arrivare a fatturare sui 100.000 €.
Il secondo circa il doppio, quindi circa 200.000.

Ipotizzando un ricarico medio del 40% (alcuni prodotti più e altri meno) il margine sarebbe di circa 40.000 il primo anno e di 80.000 il secondo.

Tolti i costi degli investimenti del primo anno sei andato in pari entro 12 mesi, e il secondo cominci a guadagnare in modo incrementale.

 

Bene, ora potresti pensare ad altre cose interessanti (che approfondirò poi):

  • logistica
  • assistenza clienti
  • catalogo prodotti (software gestionale o meno)
  • nome del sito
  • specializzazione del sito
  • piattaforma e-commerce giusta per te
  • come scegliere da chi farti seguire
  • analisi dei dati

 

Resta sintonizzato e, se non l’hai ancora fatto, Scarica il report qui a lato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *